Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. 
Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy.

La Settimana santa: momento di penitenza e di grazia

Stampa

Le consuetudini ed i rituali penitenziari della Settimana Santa (la benedizione delle case e delle uova; la lavanda dei piedi; le struggenti note dei “biancovestiti”; la rappresentazione vivente della “Passio Christi”) propongono un momento di meditazione collettiva sul mistero della morte e al tempo stesso di esorcismo di essa.
Mentre la Chiesa celebra i suoi riti liturgici quaresimali, il popolo tramanda le sue tradizioni, varie e coinvolgenti:


I Biancovestiti, con un canto struggente, richiamano alla preghiera e alla penitenza

I BiancovestitiAll’alba del Venerdì santo, giovani e meno giovani, in camici bianchi e coronati di spine (“i biancovestiti”), in segno di remissione alla clemenza divina e di disponibilità alla penitenza ed al pentimento, preceduti da un crocifero, da quattro donne vestite in nero, che portano un pannello di tela bianca, simbolo della Sindone, escono in processione e ripercorrono la strada dolorosa dei Sepolcri; intonano canti di struggente bellezza (e il pensiero non può non correre ai cori greci guidati dalla Corifea), che echeggiano in quella ora di generale silenzio, ti svegliano, se dormi, e ti commuovono.
Nella tarda mattinata, dopo aver fatto visita alle chiese del Vallo, dove il Giovedì Santo è avvenuta la deposizione dell’Eucarestia nel Sepolcro, “i biancovestiti” si ritrovano a Lauro; qui, sul sagrato della parrocchiale “S. Margherita e S. Potito”, e subito dopo all’interno, la “gara dei cori”.


La rappresentazione vivente della "Passio Christi"
La rappresentazione vivente della Passione di CristoLa rappresentazione vivente della “Passio”, che chiude il ciclo rituale e suggestivo della Settimana Santa,scandisce la sofferenza e la speranza di una comunità intera in una vita più serena e tranquilla; giovani e meno giovani, accomunati da uno spirito di sincera partecipazione collettiva, fanno rivivere, momento per momento, la Passione e la morte del Figlio dell'Uomo, in costumi d’epoca, preparati da abili e pazienti sartine locali.

Area riservata

Privacy e note legali

Comune di Taurano | Via Acquaro, 6 - 83020 Taurano (Av) | Codice fiscale 80006470647 | P.IVA 00531540649 | Tel. 081.824.04.33 | Fax 081.824.00.92
Credits to A Software Factory Srl

Thursday the 4th.